Raramente avvenimenti accaduti nella sfera del dibattito pubblico mi hanno sconvolto tanto quanto quello che sta succedendo in questi giorni intorno alla vicenda di Eluana Englaro. I protagonisti di questi ultimi giorni sono senza dubbio il Vaticano e il Governo.

Il Vaticano si trova in una fase di tale delegittimazione internazionale che risulta quasi grottesca l’aura di potenza che, in Italia, lo circonda. Alla guida dello stato cattolico c’è una classe dirigente incompetente, maldestra e pericolosamente superficiale. Prima lo scandalo dei preti pedofili e la sua disastrosa gestione, ora la vicenda dei lefevriani negazionisti: sono solo due esempi del crollo di credibilità del Vaticano agli occhi del mondo, a cui si accompagna una perdita di autorità che prosegue da anni. Sui grandi temi mondiali l’influenza del Papa (non solo di questo ultimo) è praticamente nulla.

Solo in Italia pare che il papato conservi una certa influenza sulla classe dirigente italiana, ma è davvero così? E in ogni caso, che misera autorità morale è mai quella che, storicamente sconfitta su aspetti cruciali (guerre, consumismo, aborto, divorzio, etc.) tenta di prendersi una rivincita ideologica su una vicenda così straziante come quella di Eluana Englaro, dimostrando di non possedere la benché minima pietà per il dramma di un padre, sfruttando cinicamente una storia drammatica per conseguire un successo ideologico?

Qui entra in gioco il secondo attore, Berlusconi e il suo governo. Possibile che in Vaticano siano così stupidi e sprovveduti da non vedere che la Chiesa stessa è, in questa vicenda, strumentalizzata dal governo? Credono forse, Ratzinger e Bertone, che Berlusconi si stia muovendo in questo modo mosso dal desiderio di far trionfare ideologia e valori cattolici? Non si accorgono del macabro opportunismo di un leader politico che sfrutta questa vicenda per porre sul tappeto ciò che realmente gli interessa? Non il testamento biologico, non la ‘salvaguardia della vita’, non i valori cattolici, ma il ben più determinante potere di veto del Presidente della Repubblica che, nella visione berlusconiana della politica, costituisce un insopportabile ostacolo all’azione del potere esecutivo. Non si accorgono, Bertone e il Papa, che Berlusconi sarebbe disposto a sacrificare qualsiasi cosa, anche il Vaticano, pur di annichilire gli organi di controllo che costituiscono un argine al suo potere assoluto, pur di abbattare i vincoli costituzionali che ancora riescono a limitarlo?

Ma al di là di tutto questo, restano i gesti, le parole, le oscene dichiarazioni che mi hanno nauseato. Gli insulti al padre di Eluana Englaro (Berlusconi: “Sembra quasi che ci si voglia liberare di un fastidio”; cardinale Barragan: “è un omicidio, vogliono far morire quella povera ragazza di fame e di sete, esporla a una agonia lunga e crudele”), la necrofilia (Berlusconi: “Eluana potrebbe generare dei figli”), la disgustosa ipocrisia di un parlamento che in oltre due anni non è stato capace di legiferare e che ora, nel mezzo del protocollo avviato a Udine, si mobilita “in nome della vita” (dopo aver votato una legge che, di fatto, nega l’assistenza sanitaria agli immigrati irregolari). E ancora, fondamentalisti cattolici che urlano all’ambulanza che la trasporta a Udine “Eluana svegliati, ti vogliono ammazzare”, giornalisti televisivi che cannibalizzano il dolore privato di una famiglia con la minuziosa descrizione della “morte per fame e per sete, non sappiamo con quali atroci sofferenze”.

Non ho mai personalmente assistito a nulla di così cinico e disumano. E devo ammettere di provare vergogna per questo paese sempre più mostruoso e senza cuore.