“Romano pervertito, Luxuria tuo marito”. I contestatori hanno anche cantato l’inno nazionale e alcuni di loro, circa una decina, hanno fatto il saluto romano.
(da La Repubblica, 18/01/07)

Questa è una breve cronaca della contestazione a Romano Prodi organizzata dai giovani di AN davanti alla cattolica di Milano.

Provo una certa soddisfazione nel constatare come gente di questa risma schiumi rabbia per non essere più rappresentata nel governo. Perchè fino a poco tempo fa questa gente era nei ministeri. Vi ricordate?

Annunci