Vittorio Emanuele di Savoia e il figlio Emanuele Filiberto hanno chiesto alla Repubblica Italiana 260 milioni di euro.

In piccolo taglio e in una valigetta nera.