Un omicidio su 4, in Italia, avviene tra le mura domestiche. In 7 casi su 10 la vittima è una donna. In 8 casi su 10 l’autore è un uomo. Se le identità in gioco non fossero di genere ma etniche, sarebbe già scattata la legge marziale.

Per richiamare l’attenzione di tutti sulla violenza contro le donne, domani (24/11/07) a Roma si terrà una manifestazione nazionale.

Ecco uno stralcio dell’appello delle promotrici:

La vita di molte ragazze e di molte donne continua a essere spezzata, le loro capacità intellettive e affettive brutalmente compromesse. Il femminicidio per ‘amore’ di padri, fidanzati o ex mariti è una vergogna senza fine che continua a passare come devianza di singoli. Il tema continua a essere trattato dai mezzi di informazione come cronaca pura, avallando la tesi che si tratti di qualcosa di ineluttabile, mentre stiamo assistendo impotenti ad un grave arretramento culturale, rafforzato da una mercificazione senza precedenti del corpo delle donne.  (leggi tutto l’appello)

Penso sia un tema che interroga tutti (soprattutto se in questo momento – mentre leggete questo post – state pensando che non si tratti di un argomento fondamentale per la nostra civiltà). Perchè è vero che un po’ di responsabilità ce l’hanno i mass media, la mercificazione del corpo femminile, la ventata iper oscurantista di Ratzinger e dei suoi seguaci in posizione di potere… E’ vero tutto questo, ma bisogna riconoscere che un determinato “clima” sociale si impone anche perchè molti di noi lasciano che si imponga: nel nostro quotidiano, nelle nostre scelte, nel nostro modo di interagire, agire, reagire, comunicare, nel nostro commentare e sottovalutare.