Sul caso Rai-Mediaset che lo vede coinvolto, Bruno Vespa ha mostrato un insolito volto iper-garantista. “Le intercettazioni sono una schifezza!” dice ringhiando dagli studi di La 7 dove era ospite (vi consiglio di vederlo perchè fa molto ridere),  mettendo tutti noi in guardia dal rischio di “distruggere le persone” attraverso un uso distorto dei media.

Flashback:

“Ecco…ci comunicano che il responsabile della strage di Piazza Fontana è stato arrestato e ha un nome: si chiama Pietro Valpreda”
(Bruno Vespa agli spettatori del Tg1, 16 dicembre 1969)

Pietro Valpreda era completamente innocente, ma Bruno Vespa non esitò a sbatterlo come un mostro in “prima pagina”, in diretta nazionale senza che su di lui ci fosse alcuna prova nè indizio. Come fu chiaro successivamente, si trattava infatti di un depistaggio. Non so se Vespa si sia mai scusato, ma sarebbe comunque tardi. Gli ha distrutto la vita e, anche grazie a Vespa, molta gente è tuttora convinta che l’autore della strage di Piazza Fontana sia Valpreda.

Oggi Vespa non è molto cambiato. Si guadagna da vivere sbattendo nuovi mostri da porta a porta, con il suo corredo di “periti” da lui stesso nominati. Si aggira per gli studi Rai tenendo in mano mestoli e modellini di case teatri di massacri atroci. Le sentenze non le dà più lui direttamente, ma le fa emettere ai suoi ospiti attentamente selezionati.

Quindi non ho capito: ora che cazzo vuole?