Mentre a Napoli “civiltà l’è morta” sulla questione rifiuti, a Milano si sta combattendo una battaglia altrettanto incivile sulla pelle dei bambini. C’è un principio sacrosanto in questo paese: qualsiasi bambino viva in Italia ha diritto a essere istruito e curato. Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha deciso che di questo principio se ne frega. Con una circolare emanata poco prima di Natale, il Comune di Milano ha infatti deciso di escludere da tale diritto i figli di cittadini stranieri privi del permesso di soggiorno.

La decisione è talmente crudele, subdola e vigliacca che non credo ci sia bisogno di commentare oltre. Per fortuna oggi, sia il direttore scolastico per la Lombardia che il Ministro della Pubblica Istruzione hanno intimato alla Moratti di applicare la legge italiana che impone di garantire a chiunque il diritto all’istruzione, altrimenti lo Stato sospenderà i finanziamenti alle scuole comunalil. Su tale materia, tra l’altro, esistono anche direttive molto stringenti dell’Unione Europea.

La prossima mossa della Moratti potrebbe essere, dopo l’Ecopass, quella di creare uno “Scuolapass“: non hai il permesso di soggiorno ma vuoi che ai tuoi figli sia riconosciuto uno dei diritti fondamentali dell’uomo? Paga un apposito ticket e iscrivilo a scuola! Niente razzismo, solo libero mercato e disumanità.