You are currently browsing the category archive for the ‘immigrazione’ category.

Tra qualche giorno, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, la clandestinità diventa un crimine. Il fatto cioè di essere straniero extracomunitario senza permesso di soggiorno ti trasforma automaticamente in criminale. Un cittadino europeo nella stessa situazione è in regola, un senegalese è un criminale. Qualsiasi persona con un po’ di cervello non può non considerare disumano e crudele un simile provvedimento.

Ma siccome Berlusconi oggi ha detto che con questa legge gli italiani saranno più sicuri, vorrei fare un paio di esempi per dimostrare al nostro premier che si sbaglia: da oggi siamo tutti in pericolo.

Il fatto che la clandestinità sia diventata un reato, comporta l’obbligo di denucia del clandestino da parte di qualsiasi persona incaricata di pubblico servizio (medici, poliziotti, insegnanti, giudici, autisti di mezzi pubblici, etc… al riguardo vedi anche questo mio post). Da questo principio discendono alcune conseguenze devastanti per la salute pubblica, ovvero per la salute di tutti noi, e per la sicurezza delle persone oneste.

Immaginiamo un cittadino marocchino senza permesso di soggiorno che si ammala di una forte influenza. Se si presenta in un pronto soccorso, verrà immediatamente denunciato. Decide così di non andare a farsi vedere da un medico. Non sapendo bene che malattia ha (nessuno medico lo ha visitato), decide di curarsi con una tachipirina e va tranquillamente al suo lavoro utilizzando un metrò. Nel vagone stracarico nell’ora di punta, diffonde il virus tra gli onesti cittadini italiani che, grazie al decreto sicurezza, si beccheranno un bella influenza suina. Grazie Berlusconi, grazie Maroni.

Una cosa del tutto simile può capitare nell’asilo frequentato da vostro figlio e dal figlio di una coppia di immigrati clandestini, che non si fidano a portare il proprio bambino da un pediatra. Così, grazie a Berlusconi e a Maroni, vostro figlio ha da oggi più probabilità di beccarsi pertosse o parotite.

C’è poi il caso di un clandestino che assiste, suo malgrado, a un grave crimine, per esempio un omicidio o uno strupro. Lui ha visto in faccia l’assassino o lo stupratore. Peccato che non si presenterà mai in una stazione di polizia a denunciarlo o in un tribunale a testimoniare per farlo condannare: non è in regola con i documenti e la sua testimonianza non può essere raccolta. Così, grazie a Berlusconi e a Maroni, da oggi avremo più assassini e più stupratori liberi e impuniti.

In compenso nasceranno molti bambini fuori dalle strutture ospedaliere (quale donna clandestina andrà a partorire in un ospedale sapendo di non poter registrare all’anagrafe il proprio bambino il quale verrebbe dato in adozione?) che non verranno registrati all’anagrafe e diventeranno ombre, come i loro genitori. Nascerà una nuova generazione di bambini invisibili privati di ogni diritto, che non potranno frequentare le scuole dell’obbligo e che, di conseguenza, difficilmente impareranno l’italiano e la loro condizione di emarginazione si aggraverà. Con quali conseguenze, secondo voi, per la sicurezza dei nostri amati concittadini italiani?

Sullo stesso tema segnalo il bel post di erreabi.

 

AGGIORNAMENTO:

A Milano, lunedì 6 luglio ore 18 davanti alla Prefettura c’è un presidio contro questa legge vergognosa. Qui tutte le info.

Annunci

Qualche settimana fa, a Milano, su un autobus. Il traffico del centro è più congestionato del solito a causa di una manifestazione di protesta di alcuni rifugiati politici e richiedenti asilo, sgomberati il giorno prima dalle loro abitazioni.

Una signora accanto a me inizia la litania: “Ecco, questi qui ora ci bloccano anche le strade! Vengono qui, e vogliono avere tutto, anche una casa! E agli italiani chi ci pensa?“. La signora raccoglie immediatamente consensi e cenni di approvazione da parte di altri passeggeri che producono una eco, anzi un’onda di frasi e mezze frasi di condanna per i manifestanti stranieri. In molti restano in silenzio. Io non resisto: “Signora, ma cosa sta dicendo? Sono rifugiati politici, scappano da guerre, persecuzioni e massacri. Il minimo che possiamo fare è garantire loro una casa“. La signora è un po’ stupita dalla mia reazione. Aveva detto una cosa di tale buon senso, talmente in voga e sulla bocca di tanti politici, quotidianamente ripetuta in talk show, programmi televisivi del mattino e del pomeriggio… Così mi ribatte un po’ imbarazzata: “Eh, sì, gliela daranno la casa… vedrà”. “Lo spero proprio”, concludo io.

Nessuno dei fan della signora ritiene di dover intervenire. Molti passeggeri mi lanciano uno sguardo di gratitudine e l’eco dei vari “agli italiani chi ci pensa” o “vengono qui e vogliono fare i padroni” si spegne in un istante.

Quella che è andata in scena, senza che lo avessi previsto, è stata una piccola battaglia, una lotta per il potere, anzi, per l’egemonia culturale. Detta in termini sociologici, per qualche secondo ho rotto la “spirale del silenzio”.

La teoria della spirale del silenzio fu sviluppata dalla sociologa tedesca Elisabeth Noelle-Neumann negli anni ’70 e spiega egregiamente perché la signora era tanto stupita dalla mia reazione…

Il tema è un po’ articolato, e rimando un breve approfondimento al prossimo post, in cui avanzerò anche un piccola proposta di resistenza civile.

Le spie non sono simpatiche a nessuno. La riprovazione per i delatori è generale. Il Decreto Schifezza, che la Camera tra poco approverà, obbligherà i pubblici ufficiali e gli incaricati di pubblico servizio che ne vengano a conoscenza, a denunciare gli immigrati privi di regolare documento. Spero che ci sarà una sommossa degli interessati verso una sorta di “obiezione di coscienza”.

In caso contrario, come simbolica ribellione a questa schifezza indegna propongo di organizzare una rete di contro delazione. La cosa potrebbe funzionare così: quando si viene a sapere di qualcuno che ha denunciato un immigrato irregolare, lo si sputtana pubblicamente, additandolo come INFAME. All’uopo, si potrebbe tappezzare il quartiere dove vive la spia con manifesti riportanti la sua foto, il suo nome, la qualifica di “spia”; si potrebbe far girare la stessa foto sui blog, su facebook, etc. Si tratterebbe, in realtà, di un servizio di pubblica utilità; in questo modo anche i suoi conoscenti italiani potranno farsi due conti: ci si può fidare di uno che è pronto a vendere alla polizia un disperato indifeso e senza tutele? Una persona così sarà mica capace, se ne avrà l’occasione, di “vendere” anche il collega, il conoscente, l’amico? Ovvero, se sei un Giuda è meglio che si sappia.

Insomma, chi di delazione ferisce, di delazione perisca. Che ne dite? Il livello di imbarbarimento raggiunto non merita reazioni più sofisticate.

Concludo citando una norma mostruosa contenuta nel Decreto Schifezza, di cui si è parlato poco: in base al decreto che tra poco verrà approvato, le madri irregolari non potranno iscrivere i propri figli all’anagrafe e quelle sprovviste di passaporto non potranno neanche riconoscerli rendendoli così subito adottabili. Chi di voi ha figli, provi a pensare di trovarsi in quella situazione.

Bossi: “Nelle scuole del Nord troppi professori meridionali”.
Il Pd: “Senza insegnanti del Sud, la nostra scuola chiuderebbe”
 
Ci sono lavori umili e sottopagati che i settentrionali non vogliono più fare…

Riporto integralmente un articolo apparso sul Corriere di oggi. Ogni commento mi sembra superfluo…

12 anni, premio Unicef, aggredita in strada

MILANO – Romena, 12 anni, ha vinto il premio Unicef per le sue doti artistiche. Ma vive in una tenda con la famiglia, e martedì mattina è stata vittima, con il fratello 14enne, di una brutale aggressione. Lo riferisce il Gruppo EveryOne, associazione che si batte per la cooperazione internazionale nel campo dei diritti umani. L’aggressione è avvenuta la mattina del 17 giugno alle 8. A quanto scrive EveryOne la famiglia Covaciu, romena di etnia Rom, già oggetto di continue peregrinazioni per l’Italia a seguito di vessazioni, minacce e sgomberi, stava uscendo dalla tenda in cui da diversi giorni si era stabilita, in un microinsediamento nella zona Giambellino, quando è stata brutalmente aggredita da due italiani di età compresa fra i 35 e i 40 anni.


Rebecca, 12 anni, nota per essersi aggiudicata in Italia il Premio Unicef – Caffè Shakerato 2008 per le sue doti artistiche applicate all’intercultura, e il fratellino Ioni, 14 anni, sono stati prima spintonati e poi picchiati. I genitori, uno dei quali è Stelian Covaciu, pastore della Chiesa Pentecostale, che assieme al fratello maggiore di Rebecca erano accorsi per difendere i figli, sono stati ricoperti di insulti razzisti, minacciati, indotti a lasciare immediatamente l’Italia e subito dopo percossi. I Covaciu a quel punto sono fuggiti verso la stazione di San Cristoforo, in piazza Tirana, e accorgendosi di essere ancora seguiti hanno chiesto aiuto ai passanti.
Nessuno è intervenuto. Mentre la famiglia si stava avviando verso il parco antistante la stazione, la signora Covaciu, cardiopatica, è stata colta da un malore. Stellian Covaciu ha a quel punto contattato telefonicamente Roberto Malini del Gruppo EveryOne, che ha dato l’allarme facendo inviare sul posto una volante della Squadra Mobile di Milano e un’ambulanza. All’arrivo della Polizia, gli aggressori si sono dileguati. Prima ancora dell’aggressione, l’Unicef aveva manifestato indignazione per la vicenda della piccola Rebecca, simbolo di un’infanzia senza diritti. Il Gruppo EveryOne era in procinto di organizzare un ritorno della famiglia in Romania per sottrarla all’ostilità che colpisce i Rom a Milano.

Avete notato? Bruciano i campi rom con donne e bambini all’interno costretti a scappare dalle fiamme e dalle spranghe e ti spiegano che non è razzismo, tutt’al più un po’ di camorristi.

Al Pigneto, a Roma, devastano tre negozi gestiti da stranieri, e ti dicono che non è razzismo, tutt’al più uno che cercava di riprendersi il suo portafogli (ma allora che ci faceva la banda di ragazzotti con le facce coperte e le mazze di legno?).

Si lanciano alla gola di un ballerino albanese al grido di “albanese di merda ti risbattiamo al tuo paese” e ti spiegano che non è razzismo, era… boh… era tutt’al più qualcos’altro, noi siamo un popolo accogliente.

A Milano, notizia di oggi, bambini italiani di una scuola media da giorni tendono agguati ai loro compagni rom che faticosamente stanno cercando di integrarsi, al grido di “Schifosi, tornatevene a casa”, e qualcuno domani ci verrà a dire che non è razzismo, tutt’al più un episodio di bullismo, e intanto quei bambini rom terrorizzati non rimetteranno più piede in una scuola.

A Verona, dei neonazisti famosi per aggredire stranieri e gente a loro avviso vestita “in un certo modo” uccidono a botte un ragazzo e ti dicono che non c’è matrice politica, tutt’al più perdita di valori.

Ancora a Milano, dei vigili urbani travestiti da Iron Man fanno retate sui filobus mettendo allineati faccia al muro tutti gli stranieri senza documenti e caricandoli poi su un altro filobus da guerra con le grate ai finestrini, e ti dicono che tutt’al più sono normali controlli dell’Atm contro chi non paga il biglietto.

Infine vedi Alfano e ti sembra un Forrest Gump analfabeta che ha imparato a memoria (male) una lezione di diritto impartitagli da Borghezio, e ti dicono che tutt’al più è un ministro della giustizia.

Il Papa: “Gioia per il clima politico”
[…] Benedetto XVI ha […] espresso «una particolare gioia» per i segnali di «un clima nuovo, più fiducioso e costruttivo» tra le forze politiche italiane, e le istituzioni, «in virtù di una percezione più viva delle responsabilità comuni per il futuro della Nazione». Il Pontefice ne ha parlato intervenendo all’Assemblea della Conferenza episcopale italiana, in corso in Vaticano. «Ciò che conforta – ha aggiunto – è che tale percezione sembra allargarsi al sentire popolare, al territorio e alle categorie sociali.
(dal Corriere della Sera online, 29 maggio)

Intanto, negli stessi giorni…

Il giorno che anche l’ultimo rumeno venne cacciato a forza dai nostri confini e che l’ultimo arabo venne rimesso su una carretta del mare diretta in Libia, l’insoddisfazione e la paura continuava a serpeggiare tra il popolo italiano. Popolo accogliente e capace di integrare, purché ognuno rispetti le regole e, possibilmente, se ne stia a casa sua. Insoddisfazione e paura, dicevamo, ma anche rabbia e frustrazione per come ormai interi reparti di enti pubblici e aziende private erano finiti nelle mani di lavoratori omosessuali.

La gente era ormai stanca di vedere queste persone – che senza vergogna ostentavano le loro discutibili preferenze sessuali – fare carriera molto più velocemente dei normali cittadini che pagano le tasse e si accoppiano con una persona di sesso opposto. Stanchi e frustrati di vedere interi uffici di invertiti ottenere bonus aziendali e incentivi solo perché si vestono meglio, sono più attenti all’immagine e al modo di porsi, pettinarsi, combinare i colori dell’abbigliamento.

E mentre questa ondata di rancore omofobo montava inarrestabile, la sinistra si è fatta trovare per troppo tempo impreparata: è ormai  giunto il tempo di prendere atto dell’insoddisfazione di tanti italiani per bene che trovano ormai intollerabili questi favoritismi nei confronti dei gay e le loro continue prevaricazioni.

Dopo che la scorsa notte militanti di Forza Nuova, alla guida di un intero quartiere di padri di famiglia esasperati, hanno dato alle fiamme alcuni circoli gay nella capitale, qualche voce isolata nel Partito Democratico ancora aveva la forza di difendere gli invertiti, non capendo che proprio il lassismo della sinistra e i suoi occhi chiusi difronte alle tante prevaricazioni che gli eterosessuali avevano subito negli ultimi anni da parte dei gay avevano contribuito ad alimentare questo clima di odio e di insofferenza. Sia chiaro che le violenze sono sempre da respingere da qualunque parte esse provengano: che siano assalti premeditati e feroci contro simboli del movimento gay o variopinti e volgari cortei in cui ostentare i propri attributi.

Certo, non tutti gli omosessuali sono raccomandati e godono di privilegi sul posto di lavoro, ma è pur vero che tutti quelli con le macchine aziendali più belle, i ticket restaurant di valore più elevato e i vestiti meglio stirati sono gay.

E’ per questa ragione che, finalmente, prendiamo atto che la decisione del Pd di astenersi sul decreto legge che impedisce agli omosessuali di ricevere premi aziendali e di ricoprire incarichi direttivi nelle aziende pubbliche va nella direzione di una nuova presa di contatto con la realtà, che possa rimettere il centrosinistra in sintonia con il Paese. 

Forse, ora il Pd sarà pronto a confrontarsi con serenità e spirito costruttivo anche sul prossimo nodo da sciogliere con estrema urgenza: il problema dei valdesi, che da troppo tempo ormai dirottano impunemente risorse ingenti ai danni delle tante famiglie cattoliche che lavorano onestamente.

 

Con Brunetta che dice, a proposito degli statali, “colpirne uno per educarne cento”. Con Maroni che vuole arrestare tutti i clandestini e La Russa che propone di usare a tal fine anche l’esercito. Con Schifani che querela Travaglio per aver raccontato dei fatti della sua vita talmente vergognosi che il solo raccontarli rappresenta, evidentemente, un’offesa. Con Tremonti che dice che non c’è nessun tesoretto, salvo utilizzarlo per eliminare l’Ici.

Nei confronti di questa bella banda di lord e bravi ragazzi il Pd si appresta a fare una opposizione “costruttiva”. Inizia a passare il refrain del “sono stati votati, ora vediamo cosa sono capaci di fare” (ma vi ricordate durante i mesi del governo Prodi cosa diceva del governo l’allora opposizione?). E per far vedere quanto sono costruttivi, davanti a un Travaglio che cita fatti piuttosto sconcertanti sul presidente del Senato, invece di chiedere conto a quest’ultimo, si legittima una futura epurazione dello stesso dalle reti televisive nazionali.

La Brigate Rozze hanno dei nuovi fiancheggiatori: le Brigate Ombra.

La dimensione del disastro elettorale è talmente grande che è difficile decidere da dove cominicare. Forse dal “narcisismo” e dall’ “ambizione” che Nando dalla Chiesa identifica tra i “démoni della sinistra” nel suo post odierno.
 
Per curiosità – e per farmi un po’ del male – sono andato a rileggere alcuni articoli di cronaca politica risalenti a poco più di quattro mesi fa. Era la metà del dicembre 2007. Berlusconi sembrava politicamente finito. Fini e Casini gli si erano rivoltati contro e stavano lavorando a una intesa An-Udc. Fini definiva Berlusconi “un pagliaccio” e Berlusconi definiva la sua stessa coalizione un “ectoplasma”.
Negli stessi giorni, tuttavia, Nicola Latorre (pezzo grosso del Pd) rilasciava un’intervista in cui dichiarava perentorio: “nessuno discuta più: con il Cavaliere si tratta”. Era l’inizio della fine…
 
Oggi ci ritroviamo nella situazione che conosciamo, grazie anche alla tanto vituperata legge elettorale di Calderoli (vi ricordate? “Con questa legge non è possibile alcuna maggioranza!”, “Questa legge non garantisce la governabilità!”… andate a vedere i senatori di vantaggio su cui oggi può contare la destra e rabbrividite…).
 
E pensare che proprio sulla riforma di questa legge elettorale si è innestata la crisi del governo Prodi: la scelta suicida del Pd di trattare con Berlusconi una legge elettorale che facesse fuori i piccoli partiti (tra parentesi, che bisogno c’era di una nuova legge elettorale dato che quella attuale ha svolto egregiamente questo compito?) ha certamente contribuito all’instabilità della coalizione di centro sinistra fino a spingere Mastella a rompere. Altro che “sinistra radicale irresponsabile”…
 
In più, anche se confesso di aver pensato per un certo periodo che la campagna elettorale di Veltroni fosse efficace, mi sono reso conto che passare due mesi a sparare a zero contro il governo Prodi di cui il tuo partito è stato il maggior “azionista” è una strategia quanto meno bizzarra. Ancora una volta la sinistra italiana si è dimostrata succube rispetto al “rumore di fondo” diffuso dai mass media, che davano il governo Prodi in crisi di credibilità (“il peggior governo della storia repubblicana”… figurarsi…). Invece di contrastare questa tendenza rivendicando il lavoro fatto, il Pd, fin da prima della campagna elettorale, ha rincorso e accarezzato questo scontento, illudendosi di incassare qualche dividendo in termini di consenso.
 
Il problema dell’Italia di oggi è che non esiste più una classe dirigente capace di interpretare il bisogno di giustizia sociale, di difesa e di espansione dei diritti. La sconfitta è più che culturale: è psicologica, cognitiva. I leader del centro sinistra non sono più nemmeno in grado di “pensare” cose di sinistra. Pensano cose di destra. E chi, nelle tantissime realtà sociali presenti nella “società civile” ancora pensa e mette in pratica cose di sinistra non ha più le parole o la voce per esprimerle.
 
Quando la sinistra parla di immigrazione, dice cose tipo “gli immigrati ci fanno comodo, fanno i lavori che noi non vogliamo più fare”; oppure “i nostri imprenditori hanno bisogno di manodopera a basso costo”. Cosa c’è di più razzista? Questo quando non si invocano addirittura espulsioni di massa e rastrellamenti dei campi rom. Sembra paradossale, ma una volta ho sentito Rosy Mauro, la sindacalista della Lega, dire che gli immigrati che vengono a lavorare in Italia dovrebbero avere gli stessi diritti e gli stessi stipendi dei lavoratori italiani… Ancora, quando la Moratti a Milano ha deliberato che i figli dei clandestini non hanno accesso agli asili nido, avremmo dovuto fare le barricate con lo slogan “non toccare i bambini“: cosa c’è di più immediato, sacrosanto e comprensibile, persino in una città ostile come Milano?
 
Si è persa per strada l’idea di fondo, quella che secondo me distingue la sinistra dalla destra. La sinistra è tale quando propone un allargamento dei diritti. La “nostra” destra invece, spaccia diritti per privilegi e si adopera attivamente per restringere i primi e affermare i secondi.
Ora, come dicono tutti, bisognerebbe “tornare tra la gente”. Lo dico anche in modo autocritico, dato che da anni non partecipo a una riunione di un comitato, non faccio più un volantinaggio o cose del genere. Ma tornare tra la gente ha un senso se si ha chiara in testa una visione di società. Tornare tra la gente non per seguire l’onda (tanti complimenti alla Lega, ma è facile raccogliere consensi assecondando gli istinti più beceri ed egoistici), ma per capire un po’ di più chi sono i nostri vicini, chi è e cosa pensa la gente che ci vive accanto, e quindi, soprattutto, iniziare un’opera di capillare diffusione di un nuovo senso comune, da far sedimentare con pazienza, giorno dopo giorno, lotta dopo lotta. 
 
Perchè se due gay si potessero sposare, sarebbe un’occasione in più per fare una festa, senza che nessuno ci rimetta. Perchè se le nostre strade sono insicure, sarebbe più divertente ripopolarle con concerti e mercatini piuttosto che vedere padani incazzati con i bastoni. Perchè se gli affitti sono alle stelle, bisognerebbe calmierare i prezzi come si fa con i farmaci, piuttosto che escludere i non-lombardi dalle graduatorie per le case popolari. Perchè se un’azienda assume un lavoratore precario, deve monetizzare – con uno stipendio più alto – il vantaggio di poterlo licenziare quando vuole.
 
Ma la premessa di tutto è ritrovarsi attorno a valori forti, di cui non vergognarsi, da sbandierare e difendere in ogni discussione al bar, in ufficio, nel luogo di lavoro. Da rivendicare con orgoglio e fermezza. Recuperando, magari, anche quello sguardo globale che, nel luglio 2001, fece sì che le mobilitazioni per il G8 di Genova portassero sulle prime pagine dei giornali i temi della redistribuzione delle richezze nel mondo, della possibilità di modelli di sviluppo più giusti e sostenibili.
 
La dimensione del disastro è talmente profonda che, quanto meno, apre un sacco di spazio per agire. Ora che nel Pd alcuni invocano l’alleanza con l’Udc di Cuffaro, alla sinistra del partito di Veltroni si sta aprendo una voragine di opportunità. L’opacità e la mancanza di identità del Pd aprono un’autostrada per chiunque sia in grado di proporre un’idea di sinistra concentrata sui bisogni e sui sogni, sulla rabbia e sulla voglia di sperare di tanta gente.

Aggiornamento sulla questione Moratti/asili nido di Milano di cui ho scritto qualche post fa. Il Ministro Fioroni ha avviato la procedura di revoca della parità agli asili di Milano. Questo vuol dire stop ai fondi statali e, per i supplenti, metà del punteggio per le graduatorie. Il motivo della revoca sta nel fatto che il Comune di Milano, negando l’iscrizione all’asilo nido ai figli di immigrati senza permesso di soggiorno o morosi, applica un regolamento discriminatorio che in un colpo solo viola:

  • la convenzione internazionale sui diritti dell’uomo (“ogni individuo ha diritto all’istruzione”);
  • la convenzione internazionale sui diritti del fanciullo;
  • una recente risoluzione del Parlamento Europeo.

La reazione del centrodestra al provvedimento del ministro attinge a piene mani dal repertorio da “guerra tra poveri”: “I figli degli italiani, che secondo i dati Istat vivono ai limiti della soglia della sopravvivenza, devono lasciare il posto ai figli dei clandestini”, commenta Jole Santelli di Forza Italia. E la diretta interessata, la sindaca Moratti: “«La cosa grave è che il ministro ci chiede di discriminare i bambini milanesi e quelli figli di immigrati regolari a favore dei figli degli immigrati irregolari». Mettono bambini contro bambini, in un esercizio di cinismo e crudeltà che ha dell’incredibile, per di più facendo ricadere sui bambini le responsabilità dei padri.

Comunque, se il criterio è che chi non è in regola non ha servizi, suggerisco alla Moratti e a De Corato di emanare una nuova circolare: “si sospende l’erogazione di servizi pubblici di qualsiasi tipo agli evasori fiscali e ai loro figli”.

Scommetto che perderebbero di colpo l’80% dei loro voti.

Gli immigrati, invece – specie se hanno tre anni e i denti da latte – non possono votare: facile fare la voce grossa…

Mentre a Napoli “civiltà l’è morta” sulla questione rifiuti, a Milano si sta combattendo una battaglia altrettanto incivile sulla pelle dei bambini. C’è un principio sacrosanto in questo paese: qualsiasi bambino viva in Italia ha diritto a essere istruito e curato. Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha deciso che di questo principio se ne frega. Con una circolare emanata poco prima di Natale, il Comune di Milano ha infatti deciso di escludere da tale diritto i figli di cittadini stranieri privi del permesso di soggiorno.

La decisione è talmente crudele, subdola e vigliacca che non credo ci sia bisogno di commentare oltre. Per fortuna oggi, sia il direttore scolastico per la Lombardia che il Ministro della Pubblica Istruzione hanno intimato alla Moratti di applicare la legge italiana che impone di garantire a chiunque il diritto all’istruzione, altrimenti lo Stato sospenderà i finanziamenti alle scuole comunalil. Su tale materia, tra l’altro, esistono anche direttive molto stringenti dell’Unione Europea.

La prossima mossa della Moratti potrebbe essere, dopo l’Ecopass, quella di creare uno “Scuolapass“: non hai il permesso di soggiorno ma vuoi che ai tuoi figli sia riconosciuto uno dei diritti fondamentali dell’uomo? Paga un apposito ticket e iscrivilo a scuola! Niente razzismo, solo libero mercato e disumanità.

Marco Ahmetovic, il rom condannato per aver investito e ucciso, ubriaco, 4 persone, è il testimonial di una linea di prodotti dal marchio “Linearom“. Ahmetovic ha anche un agente, Alessio Sundas, che dichiara: “Questa è la mia scommessa: fare di un assassino una star“.

La cosa è raccapricciante e ha ovviamente sollevato indignazione e proteste, oltre allo sdegno e alla rabbia dei parenti dei quattro ragazzi uccisi. Ma a farmi riflettere sono state le motivazioni con cui Sundas, il manager, si è giustificato. Lui si dichiara in pace con se stesso perchè – questa è la sua argomentazione – non ha partecipato a nessun crimine e non si sente minimanete responsabile di quello che il suo assistito ha fatto. Lui fa “solo il suo lavoro” di manager, per vendere prodotti che, evidentemente, qualcuno compra.

Ovviamente questa è una situazione estrema, quasi paradossale se non fosse drammaticamente reale. Però invito tutti a una riflessione. Le agenzie di pubblicità che fanno gli spot per i diamanti, sanno tutto quello che può esserci dietro l’estrazione, l’acquisto e il commercio mondiale delle preziose pietre? Se lo sanno, perchè continuano a fare gli spot? Forse anche per loro è “solo lavoro”… Ancora, le agenzie pubblicitarie che negli anni hanno lavorato con Nestlè, sanno che la stessa è stata ritenuta dall’Unicef una delle principali responsabili delle violazioni del Codice internazionale che regola la somministrazione di latte in polvere (“Ogni giorno 4.000 bambini nel sud del mondo potrebbero essere salvati dalla morte per malattie e denutrizione, se fossero allattati al seno e non con latte in polvere.”)?

Nel caso della Nestlè la responsabilità di quelli che “faccio solo il mio lavoro” è ancora più evidente: è proprio attraverso le strategie di marketing messe a punto da importanti agenzie internazionali che le violazioni sono state commesse, convincendo madri di paesi in via di sviluppo a utilizzare latte in polvere al posto del latte del proprio seno.

Intendiamoci: non voglio assolutamente sminuire il caso Ahmetovic, nè sostenere che il suo spregiudicato manager sia “figlio del suo tempo“. Tutto il contrario. Penso che oguno dovrebbe prendersi la responsabilità morale di quello che fa, anche nel proprio lavoro. Questo caso di cronaca così brutale e senza cuore forse può sollevare un velo anche su altre forme di opportunismo e cinismo con cui conviviamo ogni giorno. Senza che nemmeno ce ne accorgiamo.

I timori espressi nel post di ieri si sono purtroppo puntualmente confermati:

«All’interno di un dialogo fraterno e cordiale – sottolinea il vicario generale – don Aldo, parroco di Ponzano, ha ribadito la sua obbedienza al vescovo e la piena disponibilitá a trovare una soluzione al problema». Il Vescovo di Treviso, mons. Andrea Bruno Mazzocato, ha infatti voluto incontrare don Aldo Danieli, parroco di Paderno, per avere chiarimenti sulla vicenda.  (dal Corriere della sera)

Sempre oggi, a Padova, ennesima provocazione della Lega Nord che, per difendere l’identità padana, ha fatto pascolare un maiale sul terreno destinato alla costruzione di una moschea.

Se l’identità padana si difende con un maiale, allora capisco come mai Roberto Calderoli sia un rappresentante del popolo del Nord…

In un paese vicino a Treviso, Paderno di Ponzano Veneto, c’è un parroco che ha deciso di mettere a disposizione tutti i venerdì la propria chiesa per permettere ai mussulmani di pregare (fonte). Si chiama Don Aldo Danieli e sta compiendo un atto di civiltà esemplare che testimonia come tra gli uomini di chiesa ci siano ancora persone di notevole livello.

Di livello un po’ più basso, invece, il Vicepresidente della Giunta Regionale del Veneto, Luca Zaia, della Lega Nord. Lo Zaia ha chiesto al Vescovo di “chiarire la posizione del parroco“. Segue poi lunga dissertazione sui temi “reciprocità” (loro nei loro paesi non ci prestano mica le moschee) e sul tema dei “doveri” (dovrebbero essere gli immigrati a fare un passo verso di noi e non noi verso di loro).

A parte la visione ben poco cristiana dello Zaia, quello che stupisce è la totale mancanza di lungimiranza. Ma come si fa a non essere contenti del fatto che in una comunità, cattolici, mussulmani e protestanti (ci sono anche iniziative simili rivolte ai protestanti) vivono serenamente insieme, in pace e fratellanza, rispettandosi e imparando a conoscersi, senza paure e intolleranze, ma con civiltà, curiosità, apertura? Possibile che l’unico modello di società che gente come lo Zaia ha in mente sia un modello che prevede atti di sottomissione e di abiure da un lato e atti di dominio dall’altro? Una società in cui l’incontro tra culture è considerato, con spregio, “buonista”, dove non c’è incontro ma lotta per affermare la propria identità a dispetto dell’identità altrui? Possibile che non si capisca come può essere più piacevole, rilassante e arricchente il fatto che ognuno di noi sia messo nelle condizioni di esprimere se stesso e i proprio valori? Perchè quando qualcosa di simile, da utopia diventa realtà bisogna invocare “chiarimenti”, “giustificazioni”, “riallineamenti”?

L’unico timore che ho è che le gerarchie ecclesiastiche siano più vicine alla “sensbilità” dello Zaia piuttosto che a quella di Don Aldo e che possano “convincerlo” che non è il caso.

E così, la bella realtà di Paderno di Ponzano Veneto potrebbe tornare ad essere l’utopia di un parroco coraggioso e intelligente. A quel punto, chi ne potrebbe davvero gioire?

ARCHIVIO ARTICOLI

Altri modi di leggere Globali

Add to Technorati Favorites