You are currently browsing the tag archive for the ‘marca’ tag.

Parlo del Marketing con la M. Quello che fanno le grandi agenzie per le grandi multinazionali. Quello che opera nei confronti della massa di consumatori, da una posizione di superiorità, condizionandone i comportamenti e creando necessità fittizie.

Ecco la definizione: Il marketing è quella cosa che considera le “marche” come persone e le persone come “target”.

Sto mio malgrado leggendo un manuale di Marketing (di livello universitario!) . Ecco alcuni esempi di frasi che sono costretto a mandar giù. Cito testualmente (tra parentesi le note del blogger, cioè mie, così come i neretti):

  • “Tutta la politica di Procter & Gamble è centrata sul miglioramento (…) del prodotto: si pensi ad Ace Gentile che è unico nello smacchiare con la potenza della candeggina senza rovinare i tessuti delicati come la seta.” (qui mi aspettavo che emergesse l’uomo in ammollo direttamente dal libro, ndb);
  • “La marca può aiutare a dare forma e significato alla vita quotidiana: le marche possono essere le nuove tradizioni.(no comment);
  • Le marche non appartengono alle imprese nè tanto meno ai reparti marketing che le gestiscono: le marche appartengono alle persone che le usano” (vallo a dire all’ufficio legale della Nike, ndb);
  • “Inizia col 2000 la grande era della marca come passion made palpable. Il trade-mark diventa il mind-mark.” (con supercazzola al centro, ndb);
  • “La grande distribuzione, quella organizzata, cresce e si presenta, non invitata, al tavolo delle relazioni marca-consumatore” (ma la marca chi l’ha invitata?, ndb)
  • Le caratteristiche di una marca forte hanno una ricchezza, una profondità, una poesia, una complessità, un’autenticità (autenticità!, ndb) proprio come quelle che ci capita di trovare in una persona amica.” (ma che amici ha, questo qui?, ndb)

A un certo punto, al culmine dell’esasperazione, mentre avevo già iniziato pratiche di autosomministrazione del dolore degne della Binetti, continuando nella lettura mi si è aperta una speranza. Infatti l’autore (che oltre a insegnare lavora in una grossa agenzia pubblicitaria) scrive a proposito della conoscenza che il pubblicitario deve avere del prodotto e del mercato nel pianificare una campagna: “Un importante momento di conoscenza è quello che passa attraverso la prova in prima persona. (…) per comprendere meglio che cosa significhi essere consumatori di quel prodotto“.

Allora il piano è questo: fingendomi l’Amministratore Delegato di un’importante multinazionale, gli commissiono una campagna per rigenerare la personalità della marca di una nuova linea di casse da morto. O di mine anti-uomo, devo ancora decidere.

Annunci

ARCHIVIO ARTICOLI

Altri modi di leggere Globali

Add to Technorati Favorites